Cose di Lavoro: il curriculum e la foto professionale

La foto per il curriculum vitae, richiesta ancora in quelli da inviare alle aziende italiane e in alcuni paesi europei, è un elemento a volte fondamentale per fare in modo che il tuo CV venga visionato dai responsabili delle risorse umane. Lo sapevi?

Per questo ho deciso di scrivere 5 veloci punti su come sceglierla.

In alcuni paesi, per esempio la Gran Bretagna, dove ci sono dei regolamenti molto severi in quanto a discriminazione, la foto non è più necessaria, esattamente come dati riguardanti l’età o il sesso. Pazzesco vero? Si sceglie sulle competenze e sul percorso formativo della persona che invia il curriculum.

E dunque, se siamo obbligati ad inserirla, come si sceglie la foto per il curriculum? Sembrerà quasi una domanda banale, eppure mi capita spesso di dover visionare curriculum e lettere di presentazione e spesso rimango allibita da quello che vedo.

La foto professionale è una cosa seria, è il nostro primo “incontro” con il selezionatore. Dobbiamo fare in modo che trasmetta quanto più possibile la nostra rassicurante affidabilità. Come?

Vediamo insieme 5 punti fondamentali per scegliere al meglio la foto per il curriculum:

  1. Una foto in primo piano, o al massimo a mezzo busto è sempre la scelta migliore. Bocciata la foto a figura intera, a meno che questa non sia esplicitamente richiesta nell’annuncio di lavoro.
  2. Formale o no? Dipende. Per quale carica ti stai candidando? Che ambiente di lavoro si prospetta? Via libera al completo con giacca se il lavoro richiede già un certo abbigliamento formale. Se invece non è richiesto un abbigliamento troppo formale allora la camicia è sempre la soluzione perfetta, sia per la donna che per l’uomo. Accortezza per l’uomo: abbottonate la camicia fino al penultimo bottone, non fino al collo. Che non vi venga in mente di lasciare la camicia più aperta con tanto di petto in bella vista. (Si,ti giuro che succede.) Per la donna invece, niente scollature provocanti o camicie trasparenti.
  3. La foto deve essere fatta appositamente e non scelta da foto a caso che vi sono state scattate a matrimoni o feste. Ho visto foto con abiti da cerimonia, abitini da discoteca o giacche di tuta. NO.
  4. La foto per il curriculum deve essere abbastanza recente. Allegare una vostra foto a 20 anni se ne avete 35 non sarà un bene.
  5. Piccolo appunto per le donne: non esagerate con il make up. Il make up è necessario per fare risaltare il vostro viso in fotografia, ma deve essere leggero, e appunto deve valorizzarvi. Una buona base, un filo di mascara e un rossetto saranno perfetti.

Ricorda anche che i selezionatori ormai, sempre più spesso, verranno a cercarvi online. Questo significa mantenere una certa coerenza almeno con le vostre foto profilo su Facebook, Linkedin, Twitter, Instagram ecc,  e non dimenticare la vostra foto profilo su Whatsapp!

Ti sembra esagerato? In realtà non lo è. Io per esempio nelle foto profilo cerco di mantenere una linea simile, anche se le foto non sono identiche. In questo modo sono riconoscibile ma adattandomi al social all’interno del quale mi trovo. Questo significa che la mia foto professionale, allegata ad un eventuale curriculum, sarà realizzata sulla falsa riga di quelle presenti già sui miei social che mi vedono sempre comunque in primo piano, per essere appunto facilmente individuabile durante una ricerca.

Se vuoi ancora delle informazioni riguardo a come si compila un curriculm vitae allora clicca qui.

Se invece vuoi scaricare il formato europeo clicca qui.

Vuoi un curriculum creativo? Prova Canva, cliccando qui.

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.