fbpx

Inciampando a…Berlino – tra lavoro e vacanza

Ho scritto questa guida su Berlino mentre volavo verso Dublino (questo significa che nella sezione viaggi troverai presto anche la guida su Dublino).  Bene, anche stavolta sono partita sola ma il viaggio è durato decisamente più di un week end: sono stata a Berlino 8 giorni. Inizialmente per lavoro, poi per pura vacanza.

Nonostante molti mi avessero scoraggiata, dicendo che Berlino è una città “senza cuore”, io l’ho trovata tremendamente poetica e piena di emozioni.

Ovviamente tutti ti diranno di andare assolutamente ad Alexander Platz e vedere la torre della televisione, peccato che sia la parte che mi è decisamente piaciuta meno. Troppo commerciale, finta, caotica. Consideriamo sempre che buona parte della città è stata ricostruita dai Russi dopo la guerra, e i Russi non sono decisamente noti per la sobrietà.

Ma andiamo con ordine.

View this post on Instagram

Berlin❤️

A post shared by Giuliana Piazzese (@inciampando) on

COME ARRIVARE DALL’AEROPORTO AL CENTRO E COME MUOVERSI A BERLINO:

La prima cosa da fare è scaricare l’app della compagnia di trasporti BGV. Ne trovi due: una solo con le informazioni e i percorsi – utile, se non utilizzi già google maps ma l’altra è quella super: l’app per i biglietti. Io pagavo i biglietti con solo l’impronta digitale sul cellulare. Veloce, semplice e disponibile anche in inglese. Vi basterà fare il download dell’app e avere un conto Paypal.

Per arrivare a Berlino dall’aeroporto di Schönefeld potete:

. prendere il bus 171 o x7 che portano alla stazione di Rudow U-bahn praticamente la “stazione centrale”.

. prendere il treno Airport Express RE7 o RB14 che vi porterà in stazioni come Hauptbahnhof, Friedrichstrasse, Alexanderplatz e Ostbahnhof.

. prendere la metro S-Bahn S) ed S45

Una volta raggiunta la città io ho sempre fatto i daily ticket perché Berlino è davvero grande e non si può girare soltanto a piedi. Inoltre la comodità di scendere e salire dai bus per me è valsa tutto il prezzo del giornaliero (che costa circa 7 euro).

PICCOLA DRITTA: Se vuoi vedere tutto il centro e hai poco tempo, non hai voglia di camminare o vuoi prima farti un’idea e scendere quando desideri allora prendi il bus 100 e sali al piano superiore (ti consiglio di prenderlo al capolinea per una visuale migliore ai primi posti).

[Ne ho parlato anche nelle stories in evidenza su Berlino che trovi cliccando qui]

DOVE ALLOGGIARE A BERLINO?

Io ho prenotato una stanza in un appartamento condiviso tramite AIRBnB, i prezzi per alloggiare a Berlino sono davvero folli. Per fortuna ho trovato una coppia di ragazzi, lei italiana lui olandese, super carini, gentili, puliti e ordinati!

Se preferisci una sistemazione in hotel, allora clicca qui e guarda le offerte di Booking.com

COSA VEDERE A BERLINO?

A parte tutti i monumenti tradizionali, ci sono dei posti che secondo me non puoi davvero perderti:

  1. Potsdamer Platz con i suoi grattacieli di forme geometriche ed effetti ottici davvero strabilianti. Ovviamente ricca di centri commerciali, proseguendo sulla via principale arrivi dritto ai siti più famosi di Berlino.
  2. Il muro di Berlino, certo, ma quando? Al tramonto. Di domenica. I murales che decorano una delle ultime parti del muro rimaste dopo la caduta sono famosissimi, quello che però a me ha completamente conquistato il cuore è stato vedere tantissimi ragazzi, tra turisti e abitanti della città, riunirsi sulle sponde del fiume per bere una birra o leggere un libro. Se vuoi farti un’idea dell’atmosfera trovi alcuni video nelle mie stories in evidenza su Instagram, cliccando qui
  3. Il campo di concentramento di Sachsenhausen, a circa un’ora dalla città. A questo dovrai dedicare almeno mezza giornata e anche essere abbastanza pronto al fatto che non stai certo andando a vedere Cinecittà. Raggiungerlo è semplicissimo, ti basta prendere un treno per Orianienburg, scendere al capolinea e prendere un bus direttamente davanti la stazione. Visitare Sachsenhausen costa appena 3 euro con l’audio guida in italiano che ti consiglio senza nessun dubbio. Non solo viene raccontata la storia di questo campo di concentramento ma sono riportate anche lettere e testimonianze di chi ha vissuto in quell’inferno. Provante ma secondo me tappa obbligatoria.
  4. Il museo dell’Olocausto, in piena città, accanto la porta di Brandeburgo è un altro di quei posti dove devi andare e al quale dedicare almeno 3 ore. Ti immergerai totalmente nella storia della guerra, dei suoi prigionieri e delle sue vittime. Uscirai davvero più consapevole e forse anche un po’ sconcertato ma sicuramente arricchito.
  5. Posti allegri ne abbiamo? SI! Il mercato del giovedì “Street Food Thursday“, presso il Markthalle Neun di Kreuzberg, dalle 17 alle 22.00 è secondo me quanto di più si avvicina al paradiso, però te ne parlo tra poco perché lo inserisco nella sezione “A ME IL CIBO”. Arrivare è semplicissimo ma dipende da dove partite. Vi basterà inserire su google maps il nome del mercato che vi ho indicato sopra e vi darà tutte le soluzioni migliori.
  6. A proposito di mercati, imperdibile anche Hackesche Hofë. Più che un mercato quasi un centro commerciale all’aperto, super caratteristico e tutto da scoprire.

E visto che vi ho già spoilerato la cosa, parliamo di cibo!

DOVE MANGIARE E COSA, A BERLINO?

Mangiare male a Berlino è davvero difficile: cucine di qualunque città, stato, continente e posto di fantasia! Mangiare tipicamente tedesco l’ho invece trovato un po’ più difficile, ma non impossibile!

Ho mangiato turco, e mangiare turco a Berlino è come mangiare davvero in Turchia grazie alla grande comunità turca che risiede in città, qui: “Hasir Kebap” e ve lo consiglio. Si trova nel quartiere coloratissimo e gay friendly di Schönenberg.

Ho anche mangiato indiano, sotto consiglio, da “Sigirya” e non solo il cibo era eccezionale ma il quartiere, essendo nella vecchia Berlino è super multiculturale e suggestivo.

 

Ho mangiato americano, al Route 66, decisamente fuori dal centro ma se siete da quelle parti e volete gustare un ottimo hamburger in un tipico diner americano anni ’50 non potete perderlo!

E poi ho finalmente mangiato tedesco in uno dei posti più divertenti e tipici che non mi aspettavo mai di trovare in piena Alexander Platz, grazie ad un amico che abita a Berlino e che ha accontentato il mio desiderio! Ottimo cibo, una band composta da due personaggi esilaranti e tutti in costume. C’è addirittura uno shop all’interno del ristorante dove poter acquistare gli abiti (che costano anche un sacco di soldi!)

Il locale si chiama “Hofbräu Berlin“. Vi consiglio di prenotare e andare con la famiglia o gli amici, ma solo se volete davvero mangiare bene e divertirvi!

Avevo chiesto un posto non turistico dove mangiare bene e la risposta da chi vive lì è stata “tutto a Berlino è turistico e allo stesso tempo, ovunque si mangia bene. Non ci sono posti solo per tedeschi”. E avevano ragione.

E la birra? Che domande. Buona, tanta.

Ma ti ho parlato di un mercato, ricordi? Bene, è lo “Street Food Thursday“, si tiene solo il giovedì ed è un posto fantastico: bancarelle di cibo di qualunque tipo ed etnia, preparati davvero da persone provenienti da tutto il mondo. Se parliamo di economico, no, ma nulla a Berlino lo è. Io ho mangiato il Pulled Pork Sandwich che non dovete assolutamente perdere, una crepe francese e un dolce mai visto prima, “Bubble Waffle” vergognosamente esagerato.

Su Instagram, tra le stories in evidenza, trovate non solo il video del mercato ma anche tutta la vacanza con i posti più belli che ho visto e tutto il cibo che ho mangiato (tanto.)

Berlino l’ho girata a Marzo, ma so che il periodo migliore è Luglio/Agosto, tanto che se tutto va bene vorrei tornarci per un week end con mia sorella. Incrociamo le dita!

Tu ci sei già stato? Ci andrai?

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.