fbpx

INCIAMPANDO A PRAGA: un ostello tutto rosa e tanti km a piedi

Un viaggio da sola a Praga, in un ostello tutto rosa e lunghissime passeggiate tra ponti e fiumi…di birra!

Praga è stato un amore a lento rilascio. Normalmente ho dei colpi di fulmine immediati con i posti che visito, dipende da come mi sento, se sono totalmente concentrata sul posto che sto visitando, cosa mi accade mentre mi trovo lì. Con Praga forse i primi giorni non ero subito nel mood, la pioggia e il freddo non mi hanno aiutata a sentirmi “accolta”, poi non so cosa sia successo. Un cielo azzurro, una vista dall’alto sfidando le vertigini, viuzze splendide dove perdersi. E SBAM!

Adesso mi piacerebbe moltissimo tornare nel periodo natalizio, con l’atmosfera magica e la neve. Nel frattempo però ecco un po’ di posticini che voglio raccomandarvi!

COSA VEDERE A PRAGA

Se cercate “cosa vedere a Praga” su Google vi uscirà praticamente qualunque cosa. Ecco cosa posso dirvi io: il centro storico è molto raccolto, dunque non farete fatica a passare dalla Piazza della Città Vecchia, con il ponte Carlo, in municipio con l’Orologio Astronomico, la chiesa di San Nicola, Palazzo Kinsky, la chiesa di Santa Maria di Tyn, e tantissimi palazzi meravigliosi da ammirare, fino al quartiere ebraico con le sinagoghe, il cimitero ebraico e le vie del lusso.

Altri spot da non dimenticare sono sicuramente il “Palazzo Danzante” ispirato a Fred e Ginger, la torre dall’altro lato del ponte Carlo per una vista incredibile sui tetti rossi di Praga, i 297 scalini che ti portano al castello e al suo quartiere, la chiesa di Santa Ludmilla, la sinagoga di Gerusalemme.

Io aggiungo: perdetevi. Come in ogni guida che ho scritto finora e come ripeto sempre nelle stories, perdetevi. Con coscienza chiaramente, valutate bene le vie dove decidete di immergervi, prendete dei punti di riferimento ma si, staccate per un attimo google maps e la lista di monumenti che volevate spuntare il prima possibile ed entrate come il bianconiglio nelle sue mille tane. Scoprirete che ogni tanto perdersi è bello, lasciarsi andare a qualcosa di inaspettato, scovare piccoli gioiellini. Potrebbe pure accadere che invece quella viuzza non sia nulla di che, che non porti in nessun posto interessante, ma non è così anche la vita?

 

E stavo per dimenticare il muro di John Lennon! Non so quanto ho camminato per trovarlo, Google Maps faceva di testa sua. Alla fine ho scoperto che ci giravo in tondo da un’ora buona. No comment.

 

E a proposito di perdersi e trovare posti bellissimi…parliamo di cibo?

DOVE MANGIARE A PRAGA

O anche “quanto sei capace di mangiare a Praga?“. Io ero in città da più o meno un’ora (considerando atterraggio, raggiungere l’ostello e sistemarmi) quando ho dato il primo morso a quella che potrebbe tranquillamente essere inserita tra le nuove dipendenze: TRDELNIK o comunque si scriva. Un rotolo di pasta, cotta sul fuoco, ricoperta di zucchero e cannella, ripiena di quello che vuoi: gelato, panna e fragole, nutella o anche al naturale.

Mentre ne scrivo mi viene l’acquolina, fate voi.

 

Ho fatto la brava, ne ho mangiati solo due in cinque giorni. Merito un premio.

Sempre a proposito di cibo da strada ma decisamente più costoso c’è il prosciutto di Praga, cotto sulla brace e tagliato grosso con tutta la cotenna. ATTENZIONE: il costo riportato sulle bancarelle è di una porzione da 100gr, in realtà se non specificate la grammatura vi arriverà una bella fetta da 500 grammi! E vi giuro, è gigante. Io ne ho chiesta una piccola e pesava 300 gr. Hanno un concetto di “porzione piccola” decisamente diverso dal nostro.

Torniamo invece al perdersi, che io grazie a questa tecnica ho trovato dei posticini super local dove mangiare che ancora li sogno la notte!

Partiamo dalla colazione, vi segnalo tre posticini deliziosi, tutti e tre diversi:

. Cioccolateria Ellory: una vera e propria fabbrica di cioccolato, sperduta sull’altra riva di Praga, attraversando il ponte che si trova davanti il palazzo danzante. Segnatela per quando andate da quelle parti. Ho mangiato il brownie più buono della mia vita, giuro. E la cioccolata calda. Che ve lo dico a fare? Una roba indecente per la bontà. Zero turisti, menu solo in ceco ma cameriere super disponibile. Se volete comprare la cioccolata quella vera, fatelo qui.

. Marty’s Kitchen Kava Coffee: classica caffetteria nordica, piccolissima e molto amata dai local. Anche qui ottimo brownie e cioccolata calda ma totalmente diversi da quelli di prima. Io sono stata nei tavolini fuori, con la copertina sulle gambe ma c’era una bellissima giornata. Si stava davvero bene.

. Slow Cafè: era domenica, ho fatto un brunch con uova, crema di funghi e spremuta d’arancia. Una delle cose più buone mangiate a Praga. Lo staff è gentilissimo, non ci sono turisti in giro e la domenica in quel quartiere c’è la pace. Ho camminato un po’ per trovarlo ma ne è valsa davvero la pena. E il posto è delizioso e di design.

Per il pranzo, a parte mangiare lo street food, ho mangiato un buonissimo burger con pulled pork da Green Stove Cafè, sulla strada verso il quartiere del Castello. Sono entrata dopo aver preso tanto freddo e pensavo fosse turistico ma ero davvero provata dalla stanchezza e dalla pioggia, e invece ottimo posto! Buonissima cucina, personale super gentile e prezzi assolutamente normali.

A cena invece ho due posti completamente opposti da segnalarvi:

. U Fleku, posto decisamente turistico ma particolare. Tavoli sociali, musica, camerieri che ti riforniscono di birra continuamente e cucina tipica. Sono andata la prima sera e nonostante riconosca il suo essere un po’ turistico è stata una bella esperienza!

. Maly Buddha Restaurant: solo se volete mangiare asiatico a Praga e quindi uscire dai piatti tipici del luogo e visitare un posto stranissimo, scavato nella roccia, super local. Scoperto grazie ad una ragazza che vive a Praga, arrivarci richiede tanta voglia di fare una bella salita, però così si apre anche l’appetito!

Volete andare a ballare?

Allora, sempre su segnalazione della stessa ragazza di prima, non potete assolutamente perdervi il Cross Club. Un posto fighissimo, vicino ad una fermata di metropolitana, quindi anche semplice da raggiungere, decisamente lontano dal centro ma non fatevi spaventare, è tutto super tranquillo.
Il locale si sviluppa su più piani, si può mangiare di tutto, io ho optato per un hamburger (molto buono) e la birra (anche quella molto buona). Negli altri piani si balla, qualunque tipo di musica, a seconda di dove volete entrare. Io essendo sola purtroppo poi sono andata via ma se fossi stata in compagnia mi sarei sicuramente fermata a ballare!

E per una birra?

La birra a Praga costa pochissimo, dunque diffidate dai posti turistici e addentratevi nelle birrerie vere, quelle dove vanno i cechi quando finiscono di lavorare. Una di queste, trovata per caso è Hany Bany Cafè. Ho pagato €1,50, un litro di birra. UN LITRO. Se volete farvi due risate potete guardare le stories dopo la birra. Che non vi venisse in mente di mangiare lì, non ne vale la pena, a meno che non dobbiate per necessità. (Ad esempio tamponare l’effetto della birra.)

DOVE HO ALLOGGIATO A PRAGA

In un posto pazzo, tutto rosa: Ping Hostel. Inutile dire che la maggior parte degli ospiti sono asiatici ma vi capiterà di conoscere ragazze e ragazzi di tutte le nazionalità. Io ho conosciuto persone dal Texas, India, Germania, Tokyo. L’ostello è senza pretese ma il fatto che sia tutto rosa e molto kawaaii fa sicuramente la differenza. Ho trovato tutto pulito e super in ordine, non posso dire che ci sia stata la stessa pace dell’ostello a Norimberga ma nulla di tragico. Se sopportate mascherine o tappi per le orecchie allora siete a posto. Per cinque notti, colazione compresa, ho pagato circa 64 euro. In altri ostelli avrei risparmiato ancora di più ma questo aveva troppo attirato la mia attenzione!

 

Praga è perfetta sia per un week end che per un periodo più lungo, dipende quanto in profondità avete voglia di girarla e conoscerla bene. Quanto amate i viaggi lenti e immersivi o se avete a disposizione pochi giorni. Io la inseguivo da almeno un anno, ora finalmente posso raccontarla e sperare di tornarci anche in altre stagioni!

Se avete ancora domande su Praga potete contattarmi su Instagram o lasciare un commento sotto questo post! Per leggere tutte le altre guide invece, cliccate qui.

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.