fbpx

I NUMERI DEL MIO 2019 – e cosa mi aspetta nel 2020

 

Trascrivere i buoni propositi, o meglio, gli obiettivi per il nuovo anno alle porte ha senso se poi si tirano davvero le somme del vecchio e si aggiunge qualcosa di più in alto per il nuovo.

Il mio 2019 non riesco sinceramente ad inquadrarlo, forse perché cerco di definire qualcosa che necessariamente è troppo grande per stare in una sola scatola. Mi ha dato molto, soprattutto nuove consapevolezze e altrettanti dubbi. Chiudo quest’anno con una soddisfazione personale al 70%, avrei voluto chiudere meglio? Decisamente si.

Ma guardiamo avanti.

E visto che ha portato bene l’anno scorso, diamo i numeri anche quest’anno!

. 3 eventi lavorativi significativi ai quali ho partecipato.

. 20 aerei presi (e due persi per prolungare un viaggio)

. 6 treni (ma secondo me ne dimentico qualcuno)

. 5 bus (e anche qui secondo me dimentico qualcosa)

. 2 le volte che ho affittato la macchina in viaggio

. 1 la volta che sono uscita fuori dall’Europa, per andare in Marocco, dove ho visitato 4 posti diversi.

. 3 volte ho visto i delfini e una anche le balene.

. 5 stati diversi visitati in Europa (Italia, Repubblica Ceca, Germania, Spagna, Polonia)

. 22 foto di tramonti pubblicate su Instagram (ma non avete idea di quante ne abbia scattate)

. 3 di albe (non sono decisamente una mattiniera)

. 3 le volte che ho visitato l’oceano in continenti diversi

. 9 i diversi posti in Sicilia visti tra primavera ed estate

. 1 lezione di cucina, in Marocco, la più commovente della mia vita.

. 2 collaborazioni a tema travel arrivate per caso. (Niente arriva per caso ragazzi. Mai.)

. 3 eventi e concerti fighissimi: Jova Beach Party, Ortigia Sound System e Niccolò Fabi

. 1 Febbraio 2019 – il mio primo anniversario da Professionista Libera

. 16 Febbraio 2019 – la prima volta che ho surfato a Palermo con mio cugino

. Innumerevoli onde che non mi hanno uccisa, molte meno quelle prese ma decisamente soddisfacenti

. 44 gli gnomi contati in giro per Breslavia (ma quanto vi siete divertiti?)

C’è tutto? Più o meno.

Manca la lotta alle vertigini fatta al parco avventura, la foto con i piedi a penzoloni a Praga, il canyoing alle Gole dell’Alcantara tra risate e acqua congelata, il party boat più divertente mai fatto e tanto altro, davvero tanto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuliana Piazzese (@inciampando) in data:

Un post condiviso da Giuliana Piazzese (@inciampando) in data:

 

Quali erano i propositi per il 2019 e quali obiettivi ho raggiunto?

. Alimentazione corretta sempre (non dieta temporanea) —-> Percorso iniziato a Febbraio, obiettivo raggiunto.

. Allenamento —-> Ho ripreso con acrobatica aerea e ho intensificato con il surf. Aggiungendo di tanto in tanto la palestra. Da Novembre è arrivato anche lo yoga al mattino. Proposito 2019, celo.

. Routine —-> Ho provato, ho fallito. Riprovato. Constatato che le routine difficilmente fanno per me.

. Viaggiare Meglio —-> Diciamo fallito. Ho continuato a girare per l’Europa, sono andata in Marocco ma non è il “viaggiare lontano” che intendo io. Le offerte fanno troppa gola molto spesso. Lo inseriamo tra i propositi per il 2020. Sono fiduciosa.

. Studiare di più —-> Non come avrei voluto. Faremo di più.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuliana Piazzese (@inciampando) in data:

Un post condiviso da Giuliana Piazzese (@inciampando) in data:  

 

Fissare dei propositi concreti e non fondati sui sogni mi ha permesso più o meno di centrarli. La realtà è che quelli non centrati vanno sviscerati con metodo e capire quali siano gli obiettivi più piccoli per raggiungere i grandi.

Ecco quindi cosa vorrei per il 2020:

. Continuare con la stessa tenacia su alimentazione e allenamento, e sento di potercela fare.

. Imparare a risparmiare di più e meglio. Come? Tenendo traccia, ogni giorno, di spese ed entrate e fare un bilancio mensile per capire cosa era davvero necessario e cosa magari poteva essere speso meglio.

. Non semplicemente “studiare di più” ma dedicare ogni mattina almeno un’ora intensa allo studio, subito dopo lo yoga e la colazione. Significa puntare prima la sveglia? Si. Pace.

. Tagliare i rami secchi, lavorativamente parlando, e permettere ad altri progetti di fiorire splendidamente.

. Combattere i momenti di trascurabile insicurezza con altri di non trascurabile forza.

Pochi, concreti, alcuni ripetuti altri nuovi, frutto di consapevolezze di un 2019 ballerino e caotico.

E tu, hai già buttato giù il tuo piano d’attacco per un 2020 ricco di emozioni?

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.