INCIAMPANDO A PARGA: UN’ALTRA GRECIA

Parga: forse volevi dire Praga?

No.

Ma è un’isoletta greca sconosciuta?

No.

Parga è un piccolo angolo di paradiso in Grecia, sulla terraferma, scelto normalmente da turisti inglesi, tedeschi o francesi e molto poco dagli italiani.

Il mare cristallino, le montagne che la circondano, il verde della vegetazione, la diversità dei paesaggi e delle tantissime cose da fare, ho amato tutto di questo posto.

Nonostante Parga sia piccola e raccolta, in realtà nei suoi dintorni c’è moltissimo da vedere o fare e soprattutto tanto da mangiare!

Ma andiamo con ordine!

COME ARRIVARE A PARGA

Io, fermandomi due giorni a Bergamo, ho fatto così: volo Palermo/Bergamo, volo Corfù/Bergamo, traghetto Corfù/Igoumenitza e da lì circa 40 minuti in auto (sono venuti a prendermi).

Ma se arrivate in traghetto da Brindisi, Bari, Venezia o Ancona vi basterà sbarcare ad Igoumenitza e da lì, se non avete imbarcato la vostra auto, prendere un bus o un taxi (costo circa €50,00).

COME GIRARE PARGA?

Parga è piccola ed è tutto molto vicino, oltre ad avere diverse zone pedonali, quindi girarla a piedi è la soluzione migliore, e poi perdersi nelle viuzze è splendido! Se invece avete la vostra auto o decidete di noleggiare uno scooter allora potrete raggiungere anche zone limitrofe che meritano una visita.

DOVE ALLOGGIARE A PARGA?

Io ho dormito al Parga Princess Hotel ed è stata una settimana perfetta. Il letto non si fa abbandonare facilmente, comodo da paura, cuscini compresi. Un balconcino perfetto per lo yoga la mattina o il relax al tramonto. A 5 minuti a piedi dalla spiaggia di Valtos e a 10 dal villaggio di Parga, la spiaggia di Lychnos e il Castello Veneziano.

I costi, per un boutique hotel, sono assolutamente ragionevoli e se volete un consiglio (se potete) scegliete i periodi di bassa stagione come Maggio/Giugno o Settembre.

Io sono stata a fine Settembre e mi sono goduta ogni secondo di pace, e un clima perfetto.

COSA VEDERE A PARGA?

 

Il paesino di Parga si sviluppa tutto sul mare, tra viuzze strette, case colorate, vecchietti che chiacchierano nei cortili e gatti pigri, passeggiare tra le sue stradine è una delle cose che ho più amato.

A difendere un tempo la città c’era il Castello Veneziano. E c’è ancora, con i suoi cannoni e le sue pietre, ed è obbligatorio andarci al tramonto. La vista che regala da ogni angolazione è davvero poesia per occhi e cuore.

Davanti Parga l’isoletta di Santa Maria, raggiungibile a nuoto dalla spiaggia di Lychnos con poche bracciate e sulla quale si trova la chiesa di Santa Maria, dalla quale prende il nome.

In realtà la mia spiaggia preferita è quella di Valtos. Una distesa di 3km, completamente attrezzata, con un’acqua azzurra da togliere il fiato. Normalmente non amo le spiagge attrezzate, lo sapete, e sicuramente l’ho amata molto perché ero a fine stagione ed era praticamente deserta, ma se non avete le mie stesse esigenze e cercate proprio comodità e servizi, la spiaggia di Valtos è perfetta.

Se invece avete voglia di una bella passeggiata in auto o scooter, c’è la spiaggia più piccola e nascosta di Sarakiniko, dove due lettini e un ombrellone costano 6 euro e ci si arriva solo conoscendo la strada, tra il verde delle montagne.

Uno dei modi migliori comunque per vedere davvero le meraviglie di Parga, parlando di mare, è un giretto in barca. Io ho avuto la fortuna di farlo ben due volte, grazie all’Hotel Parga Princess, (potete farlo anche se non siete ospiti).

Le cave nascoste, la storia mitologica dietro ad ogni caletta, le diverse tonalità di azzurro, tutto vi lascerà senza parole, ne sono certa.

E SE VOGLIO UN PO’ DI AVVENTURA?

Io ho vissuto una giornata bellissima grazie ai ragazzi di Riverdream, sul fiume Acheronte. Prima ho esplorato il fiume a piedi, e qui vi consiglio di portare con voi (o affittare lì) delle scarpette da scoglio. Poi ho preso una canoa e abbiamo fatto rafting con la guida lungo il fiume, un’esperienza pazzesca!

Per tornare, abbandonate le canoe, sono salita a cavallo per un tragitto rilassante che mi ha permesso di guardarmi intorno e apprezzare davvero la meraviglia di quel luogo.

L’acqua del fiume, oltre ad essere gelida, è talmente trasparente e in alcuni tratti azzurra da lasciare a bocca aperta. Le pietre bianche e il verde della flora intorno fanno il resto.

ALTRO DA VEDERE?

Sicuramente le cascate vicino Parga e il vecchio mulino del villaggio, di quegli spettacoli che non ti aspetti! E poi il castello di Alì Pasha con la sua storia ed una vista su tutto il golfo, uno dei punti più alti e panoramici della zona!

OK, MI È VENUTA FAME, DOVE MANGIARE A PARGA?

Ah! Il mio argomento preferito! Il cibo! Poi secondo me in Grecia si mangia molto bene, è una cucina mediterranea, molto simile a quella del sud Italia, con molta meno frittura e più pesce e carne alla brace. In una settimana ho mangiato di tutto, persino sushi e italiano quindi segnate bene questi posti perché sono stata portata lì dai local!

. Tipico cibo grecoRistorante Veneziano 

. Tipica taverna antica a Ayia [15 minuti di auto da Parga] – Taberna Oasis

. Dal burger alla cucina greca con vista stupenda su PargaMediterranean club

. Sushi e atmosfera coolAllure

. Gyros super buono sul lungo mare di Parga – Simple

. Ristorante ottimo, tipico greco, prezzi eccezionaliTaberna Petros 


Concludendo, per me Parga è la meta ideale se cercate una Grecia meno battuta dal turismo italiano, che non necessariamente sia un’isoletta ma che ne abbia tutto l’aspetto e che quindi avendo un’auto vi permetta anche di andare in giro alla scoperta di luoghi vicini.

Le persone sono sorridenti, accoglienti e rilassate. Il luogo perfetto se hai voglia di staccare con tutti e goderti il buon cibo, un bellissimo mare e la natura.

 

Per vedere tutti le mie guide di viaggio clicca qui.

Seguimi su Instagram per le mini guide salvabili e per scoprire dove mi trovo adesso!

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.